venerdì 11 maggio 2018

Blog Tour "Meghan" Matrimonio reale


Nuovo giorno nuovo post, nuova tappa. Si continua a parlare di Meghan e del libro a 
lei dedicato da Andrew Morton.

Se vi siete persi le altre tappe vi invito ad andare a dare un'occhiata a tutte, qui sotto i nomi dei blog partecipanti!
Ma oggi di che parleremo sul mio blog? Di matrimoni reali!
Siete pronti?


Partiamo proprio da lei, dalla Regina Elisabetta II. Sposata con Filippo dal 20 novembre 1947, 70 anni quasi 71 di matrimonio!
L'abito da sposa era a dir poco meraviglioso realizzato con raso scozzese, ricamato con circa 10.000 cristalli e perle. Tutte le decorazioni erano ispirate alla Primavera di Botticelli. Mentre il bouquet era interamente composto da orchidee bianche e da un rametto di mirto.
Ovviamente le perle sul vestito non bastavano, infatti indossava anche due meravigliose collane di perle.


Poi non possiamo parlare di loro: Carlo e Diana. Si sposarono il 29 luglio del 1981 nella cattedrale di San Paolo a Londra, parteciparono oltre 2.000 invitati. Le nozze furono trasmesse in mondovisione e seguite da oltre 750 milioni di persone, mentre in 600 mila inondarono le strade di Londra. Lady Diana indossava un abito in taffetà e seta color avorio, adornato da pizzi antichi e con uno strascico lungo sette metri.


Alla fine arriviamo a Williams e Kate, sposati il 29 aprile 2011 a Londra, nell'Abbazia di Westminster con una lista di ospiti e di invitati di circa 1.900 persone. La giornata del 29 aprile è stata dichiarata festività nazionale nel Regno Unito, la cerimonia ha avuto molti caratteri solenni, come l'uso delle carrozze di Stato e l'utilizzo delle guardie e della cavalleria. Il matrimonio ha visto la partecipazione di quasi tutta la Famiglia reale britannica, oltre che di diversi reali stranieri e di ospiti scelti personalmente dalla coppia
L'abito fu creato da Sarah Burton, Direttore Creativo di Alexander McQueen, con ricchi riferimenti alla corsetteria vittoriana ma moderno, con l'impiego di tessuti leggeri come satin e gazar di seta. Tra i ricami realizzati a mano sul tulle, ci sono 4 simboli che rappresentano i 4 paesi del Regno Unito: la rosa (Inghilterra), il cardo (Scozia), il trifoglio (Irlanda del Nord) e il narciso (Gallles).

Qui sotto possiamo ammirare i tre abiti da sposa, che ne pensate? Non sono bellissimi e ricchi di storia?


 Cari lettori la mia tappa finisce qui, ma vi invito a dare un'occhiata anche a tutte le altre.
Noi ci rivediamo presto e nel frattempo buone letture!



Il 19 maggio 2018, giorno delle attese nozze tra Meghan Markle e il principe Harry, secondogenito della mai dimenticata lady Diana, segna una data storica per la casa reale inglese. Perché in un colpo solo crollano tutti i taciti requisiti da tempo immemore richiesti a una sposa reale: vergine, aristocratica, protestante, anglosassone e bianca. Con una madre discendente di schiavi e un
matrimonio fallito alle spalle, Meghan è anche la prima americana divorziata di colore a diventare duchessa reale.
Una storia d'amore che fa sognare, pronta a superare in interesse quella tra Kate Middleton e l'erede al trono William, fratello di Harry. Dall'appuntamento al buio, organizzato da un'amica, il loro rapporto non ha fatto che crescere, e la curiosità intorno all'attrice hollywoodiana della serie Suits è esplosa. Le sue origini, i suoi segreti, le sue battaglie antirazziste e contro le differenze di genere, la sua ambizione e il desiderio coltivato sin da piccola di diventare la nuova Lady D, c'è molto da indagare e scoprire sulla giovane Meghan e la sua famiglia, così anomala per la corte inglese.
Andrew Morton, artefice di formidabili scoop sui reali d'Inghilterra e autore del bestseller Diana, che ha venduto oltre due milioni di copie nel mondo, traccia la prima biografia completa di Meghan Markle, fino a risalire alle origini della sua famiglia.
Basandosi su interviste esclusive a suoi amici, conoscenti stretti e famigliari e su un accurato lavoro di indagine, Morton consegna un ritratto totalmente inedito della vera Meghan e della sua relazione con Harry, e svela l'enorme impatto che la sua presenza avrà sulla dinastia Windsor.

Nessun commento:

Posta un commento